‘Scivolo’, romanzo di Athos Ganassi, diventa Musical

Per gentile concessione della Carnai Editori Media, proponiamo una breve anticipazione del musical ‘Scivolo, Opera moderna’ tratto dal romanzo ‘Scivolo’ di Athos Ganassi.

 http://www.youtube.com/watch?v=5IRVWzY8dgU

Annunci

58 risposte a “‘Scivolo’, romanzo di Athos Ganassi, diventa Musical

  1. Il cast è lo stesso di altro musical (‘Storia della colonna infame’, appendice a I Promessi sposi) rappresentato nella suggestiva cornice della valle dei templi di Agrigento.

  2. Un po’ di Nel paese delle meraviglie, con Stanlio e Ollio, e un po’ di Silly Symphonies, mi sembra. Tutti insieme appasionatamente, no. Troppo scontato. Però, anche se la scena è breve, si vede che dietro c’è tanto studio.

  3. Noi non possiamo neanche immaginare quanto studio e quanto lavoro c’è dietro. Da commuoversi, a pensarci.
    Altra anticipazione
    http://il.youtube.com/watch?v=Usl7CV9WWaA

  4. Ma dai? È una bellissima notizia. E la sceneggiatura è sua? Se fosse sua mi sa che il soggiorno in baita ricevuto con il premio P&M sia stato ispirante. Mi sembrano avanti con il lavoro, spero che presto faccia il giro dei teatri, passando anche da Genova (così tanto per mettere una città a caso).
    Del primo spezzone mi piace molto il secondo da sinistra, forse perché ha il mio stesso senso del ritmo.

  5. “Athos Ganassi sarà ospite d’onore a Monaco di Baviera in cui avrà il compito di inserire, a forza di potenti colpi di martello, il rubinetto nella botte inaugurale per l’apertura dell’Oktober Fest. Sarà lui a pronunciare la celebre frase O’Zapft is! (in dialetto bavarese, traducibile come “È stappata!”) e dare ufficialmente inizio alla festa.”
    da “Der Zeitung Bier”

  6. Commuoversi o piangere per il nervoso? Che i romanzi, se hanno valore, rimangano romanzi. Giù le mani sceneggiatori, registi, musicanti. Gli scaffali della grande distribuzione sono pieni di superpocket che fanno al caso vostro. Famigliole e fidanzatini che masticano brezel e canticchiano Scivolo. E poi a casa rifanno i balletti. Per me è troppo, scusate.
    Ma forse Scivolo non aspira ad altro che ad essere un superpocket scontato del trenta per cento alla cassa. E allora va bene tutto.
    Da Gershwin a Cocciante, questa è la china. Chi ha scritto le musiche le Scivolo?

  7. di Scivolo, volevo dire.

  8. non mi sembra che si stia confondendo un romanzo con un musical e non mi risulta che sulla seconda edizione di Scivolo ci sarà una fascetta di quelle che dicono da questo libro… La contaminazione tra forme d’espressione differenti mi ha sempre incuriosito, quando leggo qualcosa che mi piace mi capita spesso di dare voci, modi di muoversersi. Ci sono libri che ho riletto più volte dove alcune pagine sono legate ad un immagine precisa dei protagonisti e dei luoghi (la cosa mi riesce meglio se mancano le descrizioni, se mi trovo metà del lavoro fatto mi passa la voglia). Per quello che riguarda lo scriver sceneggiature da romanzi penso che solo l’autore sia in grado di non trasformare il suo romanzo in qualcosa di completamente differente, se si passa da un’altra testa mi sembra impossibile che non ne salti fuori qualcosa di differente. Poi non so ma ho l’impressione che se trovi delle pagine che ti piacciono si attivano un po’ tutti i sensi, sarà sì l’udito il primo ma poi non rimarrà solo soletto. A me capita di unire immagini anche a della musica.
    Simona a te è mai successo di parlare con qualcuno di un libro e di avere la sensazione che la persona con la quali parli abbia letto un’altro libro? un libro con lo stesso titolo, dello stesso autore e con una trama vagamente simile? a me sì (ma io non sono molto normale e spesso mi faccio dei giri qua là e altrove mentre leggo).

  9. C’è il fatto che io mi sento un po’ come uno zio, per Ganassi. Un affetto magari non corrisposto alla pari, come spesso capita. Ma sapere del musical mi ha abbastanza inorgoglito, a differenza della nonna di Athos, di cui conosciamo il carattere, che invece gli ha detto: vergognati. Non si parlano da quindici giorni, nel senso che lei non gli parla e non risponde al suo saluto.
    le musiche sono di Ennio Bagnacani, figlio di Veniero. Accademico chigiano e vicepresidente del consorzio Calabriaformaggio dop.

  10. Michela, solo una precisazione perché altrimenti sembra che sia qui per insultare. Non me la sono presa con voi, donne e uomini di buona volontà e ottime intenzioni che da mesi vi spendete per il successo di Ganassi. Ho solo paura che fuori da questo blog ci siano sciacalli pronti allo sfruttamento commerciale di Scivolo. Posizione snob, lo so, ma il passaggio da romanzo a musical e da musical a maglietta è breve. Però sembra che anche a Colagrande le magliette piacciano e allora mi arrendo.
    Io comunque un film tratto da Dioblù, ad esempio, non lo vorrei mai vedere.
    I coniugi Bagnacani chissà come sono orgogliosi di avere messo al mondo due simili prodigi.

  11. Ennio Bagnacani, come ho fatto a non riconoscerlo subito. Colui che dal romanzo di Martin Walser ha tratto la straordinaria Opera per elettrodomestici Dopo l’intervallo, nota per la celeberrima Gavotta dodecafonica della lucidatrice. Adesso sono io che mi commuovo.

  12. Proprio lui. L’Ennio Baganacani che, sempre nell’opera per elettrodomestici Dopo l’intervallo ha rivistato La ridda dei folletti di Antonio Bazzini.

    Altro che magliette. la Carnai Editori ha già stanziato 500.000 euro per finanziare il tour di promozione del romanzo Scivolo a bordo dell’omonimo autobus. Il tour partirà da Traversago Milanino (MI), piazza Aiace Telamonio alle ore 5.30 del giorno 30 settembre 2010, e attraverserà le città di Bologna, Venezia, Ancona, Firenze, Perugia, Roma, Napoli, Bari, Potenza, Reggio Calabria, Palermo, Sassari.
    All’iniziativa è abbinato il concorso “Oggi scivolo io”, per trascorrere un pomeriggio con Athos Ganassi a bordo dell’autobus Scivolo. Per partecipare basterà inviare alla Carnai Editori, concorso Oggi Scivolo Io, Casella postale 661166, entro e non oltre il 25 settembre 2010, un pensiero di non più di cento battute contenenti le seguenti parole: mutualità, indaco, mirabolante, garciamarquez, bauxite, crepuscolo, trapano, schopenhauer, santagatadimilitello.
    I pensieri potranno essere inviati anche a questo blog, per gentile e generosa concessione della Carnai Editori, entro la stessa data.

  13. Avvertenze. Non è valido abbinare le parole. Verranno esclusi dal concorso i pensieri contenenti espressioni quali, ad esempio: un trapano indaco, o un crepuscolo indaco, una bauxite mirabolante, la mutualità di Schopenhauer, la bauxite di santagatadimilitello, eccetera

  14. “… e trovo che questo modo scanzonato -passatemi il calembour- di somministrare su più strati le proprie prodezze linguistiche, vuoi impegnativi come ormai è leggere un libro, vuoi leggeri e frivoli come assister ad un musical o ad una -qualsivoglia dio gliene renda merito, per la rivalutazione del genere- operetta, ben si addica ad Athos Ganassi, novello bardo della Bassa”
    Esilde Miarulli – La Gazzetta del Palcoscenico

  15. Sabato era il compleanno (101) di mia nonna e abbiamo festeggiato. Lei mi ha raccontato che le sorelle Marengo l’hanno chiamata per farle gli auguri e che la nonna di Ganassi le ha raccontato che dal romanzo del nipote stanno facendo un musical e poi le ha anche confidato che è molto arrabbiata con lui perché lei avrebbe voluto tanto recitarci e invece il nipote non ha mosso un dito perché le venisse affidata una parte (anche solo di comparsa, ha aggiunto dopo una pausa) e poi, sul finire della telefonata ha chiesto a mia nonna: ma le pare giusto? e pensare che è sangue del mio sangue. A tali parole mia nonna non è riuscita a rispondere nulla. Mi dispiace, ha detto, e grazie per gli auguri.

  16. Ganassi è per caso a Mantova questo fine settimana?

  17. A scrivere tutte le parole attaccate senza spazi si arriva a novantacinque caratteri. Non vale. Ma sicuramente le adolescenti si scateneranno, vinceranno il concorso e su feisbùc pubblicheranno il resoconto del viaggio con l’autore del momento. Io sono stata un’adolescente cupa e mi sono rosolata negli esistenzialisti, fra i quindici e i diciotto. Non mi ci metto neanche. Già immagino il servizio di uno di quei rotocalchi della tv pomeridiana, con la giornalista stridula che fa l’intervista e la telecamera malandrina che indugia sulla patta del golden toy boy Athos Ganassi.

    Ultima nota di malumore. Il festival Non solo Nouvelle Vague di Suvereto quest’anno ha dedicato la retrospettiva al soft porno francese della seconda metà degli anni Settanta. Musichette tutte uguali, con qualcosa di meccanico che mi ha insospettito. Dietro al pomposo pseudonimo Vivre si nascondeva Ennio Bagnacani, il grande musicista. Bah. Anzi, puah.
    Sta a vedere che Valentine Sweetheart, macchina sfornaromanzetti venduti a due euro e novanta in tutte le edicole e i supermercati del paese isole comprese, è Paolo Colagrande.

  18. No, no tranquilli, non sono mica io. Però magari adesso ci penso, perchè dal punto di vista economico l’idea ha un suo perchè. Quanto a Bagnacani non so neanch’io cosa dire, Simona. Il suo genio in fondo si esprime anche così, nell’essere poliedrico e sfaccettato. Va analizzato, il fenomeno Bagnacani, ancora più sofisticato del fenomeno Ganassi.
    Quanto al concorso, mi sono arrivati diversi testi che andrò a pubblicare qui, poi giudicheremo.
    A Mantova c’era ganassi, certo, e anche la nonna, arrabbiatissima per le ragioni che diceva Michela. C’erano anche tutti i recensori di Ganassi: Miarulli, La Quaglia, Marinari Certosini eccetera. C’era l’editore Carnai con cinque amanti, una per ogni giorno del festival. Doveva esserci anche l’assessore alla cultura della città dove abita Ganassi ma ha sbagliato strada, è finito a Santiago di Compostela, ma crede di essere a Mantova e dice che il dialetto è stranissimo.

  19. Un bacio alla nonna di 101 anni.

  20. Mariaester Stradello di Casteltòn (RT) manda il seguente testo:

    Mutualità
    Indaco è il raggio che al crepuscolo di un dì mirabolante pervade santagatadimilitello sbrecciando il cielo ‘qual trapano su coccio di bauxite’ (Schopenheuer).

  21. Non è per far la pedante, ma sono 146 spazi esclusi e 169 spazi inclusi. E manca garciamarquez.

  22. Vero, manca garciamarquez, però me l’ha rispedito.
    Mutualità
    Indaco è il raggio che al crepuscolo di un dì mirabolante pervade santagatadimilitello sbrecciando il cielo ‘qual trapano su coccio di bauxite’ (Schopenheuer cit. da Garcia Marquez).
    Però il conto delle battute aumenta. E poi si era detto garciamarquez, non Garcia Marquez.

  23. Gaja Naioni (Villeguaste VI)

    Omaggio a Schopenheuer

    A Santagatadimilitello
    basta un chiodo di bauxite
    per disegnare
    un crepuscolo.
    Quindi, amico mio,
    niente trapano.
    Speravo nella mutualità, rispondi tu
    leggendo Garciamarquez.

  24. Alba Nerini (Milano Marittima)

    Indaco
    Affondaste i garciamarquez nei cuori di bauxite,
    estraendoli in mutualità
    intrisi di crepuscolo.
    L’anima, malgrado schopenheuer,
    piangeva come la punta di un trapano
    sui muri di
    santagatadimilitello.

  25. Ne è arrivata una un po’ hard, intitolata anche lei Mutualità
    di Regina Monalda Leopardi (AN)

    Mutualità

    Come un trapano
    Bucavi avido il mio ventre di bauxite
    Era crepuscolo, ma parea mattina
    A santagatadimilitello
    I nostri corpi scandivano garciamarquez
    Mentre io urlavo il tuo mirabolante nome: Schopenheuer, Schopenheuer!

  26. Hanno sforato tutti quanti. Alziamo il limite massimo di battute a 200 o li bocciamo tutti?

  27. Direi di alzare il limite. Per il momento, comunque, Regina Monalda Leopardi batte tutti. Bel nome, anche.

  28. Kevin G. Navarro (Vigo alla Scarpata BG)

    Vuoto mirabolante

    Al crepuscolo mangio bauxite,
    qui a santagatadimilitello,
    bevo garciamarquez,
    sputo schopenheuer,
    trapano le pareti indaco della tua diffidenza,
    per far luce in quel tunnel che chiami
    mutualità.

  29. I partecipanti di questo blog sono stati designati quali giurati letterari. Mi sembra una bella notizia, oltre che un grande onore. L’amministratore, che poi sarei modestamente io, vota per ultimo. Il voto della giuria letteraria si somma a quello della giuria popolare “amici della domenica pomeriggio”, che mi verrà comunicato il 26 di settembre. Ricordo che la scadenza del concorso è il 25 settembre.

  30. Pino Altolocati (Calalacqua di Po’- CR)

    Mutualità
    Garciamarquez giunse in santagatadimilitello: il volto indaco, lo sguardo mirabolante che come un trapano forava l’atmosfera livida del giacimento di bauxite. Mi chiamo schopenheuer, mi disse. Io no, gli risposi.

  31. No, adesso preferisco Altolocati. Meglio che mi sbilanci alla fine, comunque.
    Puoi chiedere alla Monalda se il ventre di bauxite dipende da un forsennato spinning o da una pervicace pigrizia intestinale? Anche se secondo me un poeta s’incazza se gli si fa una domanda del genere.

  32. Meglio aspettare l’esito del concorso. Poi se Monalda vince, sarà lei a spiegarlo in privato, sul pullman, ad athos ganassi. Athos mi racconta tutto, comunque.

  33. Arturo Astuti (Bellucanu CA)

    Cyberspazio
    Password BAUXITE. Le precedenti erano: mutualità, garcialorca, santagatadimilitello, indaco, trapano.
    Digitò, e uno spazio mirabolante gli illuminò gli occhi.

    Questo è mica locco. Dev’essere uno con della grana.

  34. “Mutualità” è il romanzo d’esordio di una misteriosa, potente voce caratterizzata da un lirismo alla garciamarquez. La storia d’amore e di sesso tra una prostituta dagli occhi indaco in fuga da Santagatadimilitello e il filosofo Schopenhauer. Furia e tenerezza tra la bauxite delle Alpi Apuane, immalinconite dal crepuscolo che si specchia nel lago di Gramolazzo. Mirabolante e spiazzante finale affidato ad un trapano.

    Non sono in concorso. Volevo solo informarVi di questa prossima uscita, un romanzo che s’inserisce in un’importante tradizione letteraria e si mangia in un sol boccone tutti gli esordi di questo primo scorcio di secolo.
    30 ottobre: segnatevi questa data.
    Vi consiglio di prenotarlo subito. Sconto del 75% per i titolari Diamond Fidaty Card Esselunga.
    Au revoir.

    P.S.: Colagrande, il Suo amico Astuti non sarà locco, come dice Lei, ma è sicuramente ignorantello, visto che confonde garciamarquez con garcialorca.

  35. crepuscolo su santagatadimilitello
    e garciamarquez è un trapano
    perfora l’aria densa di bauxite
    e shopenhauer è mirabolante e molle
    come veleno indaco
    è la mutualità del fiordaliso nel prato
    [paco lanziquenelle – Varigonzi minore (SO)]

  36. Ho il sospetto che abbia fatto apposta, l’Astuti (che, è bene precisare, non è mica mio amico). C’è un po’ di disprezzo, nell’opera dell’Astuti. Fra le righe diceva: ‘Io ho della grana e leggenda vuole che ci sappia anche fare a letto, mi importa poco di garciamarquez garcialorca andygarcia o il sergentegarcia e anche di zorro, e ho degli amici che se glielo chiedo mi fanno un decretolegge che dice che son tutti la stessa cosa, quei garcia là’. Lei non è pratico di queste cose, dia retta a me che ultimamente guardo anche la televisione.

  37. Son stata via sei giorni e qua son successe tantissime cose. Son anche arrivati già dei testi. Io aspetto la scadenza per dir la mia però intanto ringrazio chi ha designato giurati tutti quelli che partecipano a questo blog. Son d’accordo con il capo, è un gran onore. In questi giorni ero a Cavtat e una mattina ho sentito un concerto nella piazza principale e i concertisti erano giovanissimi, penso fossero di una scuola media superiore, erano molto bravi, venivan dall’Ungheria. Mi è venuto in mente che si potrebbero contattare per vedere se si riesce a organizzare una lettura di Scivolo (brani da Scivolo) con loro come l’accompagnamento musicale. Sullo striscione alle loro spalle c’era scritto VACI IFJUSAGI FUVOSZENEKAR (in realtà ci sono anche degli accenti ma non so come metterli ché son voltati dall’altra parte), non è molto ma se la cosa interessa è un punto di partenza.
    P.S. 1 mia nonna ringrazia Paolo e ricambia.
    P.S. 2 Capo non è che riesci a rimettere il comando per andare ai commenti? Dal punto di visto estetico non è un granché ma è molto utile, si evita di doverli scorrere tutti.

  38. Bellissimi, fino ad ora, i testi. sarà difficile scegliere

  39. Dunque: il comando per andare ai commenti. Eh, una parola. Adesso studio il manuale dell’amministratore di blog. Sulla lettura di Scivolo con musica dico che è un’idea ottima. Cantatti tu i musici Michela?

  40. Contattati, ora inizia l’anno scolastico e quindi sarà più in là però l’idea è piaciuta molto anche a loro. Ora però, per fare una cosa fatta bene, devono conoscere il testo quindi c’è il problema della traduzione, ma con calma risolveremo anche questo, ne son convinta.

  41. sembra un bel posto, quella trattoria lì, La Pireina, dove è stato ritratto, ne conviene?

  42. Come come? Un sabato che mi sposto su Repubblica esce la sospirata intervista?

  43. nel dubbio, al sabato, è meglio acquistarli entrambi -anche se sui contenuti del Corriere, beh, insomma…-

  44. Era l’inserto Io donna, una cosa fatta più di sei mesi fa. Il mio amico Carlo detto il Gnasso, padrone della Pireina (in fondo a Via Borghetto a Piacenza), secondo me cominciava ad avere il sospetto che fosse tutta una messa in scena per mangiar gratis (perchè ci ha offerto il pranzo, molto generosamente, malgrado la rottura di maroni subita). Un bel posto, Cecilio, te lo consiglio. Sarebbe bello andarci anche tutti insieme. Un giorno o l’altro.

  45. Scusa Cecilio, scusa padrone di casa, scusatemi tutti, ma sull’argomento mi scaldo.
    C’è in Dalla parte del torto di Piergiorgio Bellocchio (letto nell’ambito dei percorsi colagrandiani, e quindi grazie) un’analisi lucidissima di Repubblica. L’ho trascritta su un quadernino di citazioni che adesso non ho a portata di mano, però, Cecilio, è una di quelle letture su cui secondo me dovrebbe basarsi la rifondazione dello spirito nazionale. Se non provvede qualcun altro, e se già non l’hai letta, entro mercoledì sera la trascrivo qui.
    Intanto a portata di mano ho Camus che nei taccuini scrive: “La morale porta all’astrazione e all’ingiustizia. Essa è madre di fanatismo e cecità. Chi è virtuoso deve tagliar le teste.” Ecco, a me Repubblica fa un po’ quest’effetto. Però ho amici e un moroso che la leggono tutti i giorni e sono delle brave persone, anche simpatiche.

  46. @simona: cavolo addirittura il quadernino delle citazioni, son senza parole; nessuna vis polemica -perlomeno da parte mia- non vedo l’ora di leggere la citazione di cui fai menzione (poi, magari, anche il libro di Bellocchio se capiterà l’occasione, visto che non si finisce mai di imparare)

  47. Ebbene sì, Cecilio. Il quadernino delle citazioni è una perversione che mi porto dietro dalla seconda media. Ne ho tre pieni e uno iniziato da poco. Non posso farne a meno perché sono pienamente consapevole della sua inutilità.
    Lo so che non c’era volontà polemica in quello che hai detto, è che io a volte sono come il cane Eichmann di cui parla il padrone di casa ne Il cobra e la mangusta.
    Son riuscita a leggere Io donna. Il ristoratore secondo me ha fatto un affare. Già vedo gruppi di lettori arrivare coi pullman, i cappellini con la visiera, le macchine fotografiche e dirigersi in fondo a via Borghetto per conoscere lo scrittore che offre consigli alimentare. Un Henri Chenot padano. Fossi in Carlo detto il Gnasso, ingaggerei una controfigura che rimpiazzi Colagrande quando non c’è.

  48. ammesso che si appartasse nella trattoria per mangiar in santa pace, adesso gli tocca di cambiar posto, non ce n’è come divulgar le proprie abitudini -poi, magari, gli piace la caciara e l’ha fatto proprio per quello-

  49. La regaliamo a Profumo una copia di Scivolo? Magari apprezza e ricambia con un regalino proporzionato alla liquidazione.
    (Io con una liquidazione del genere sparirei leggera, senza sensi di colpa.)

  50. Capo, mi sono distratto e ritrovo Scivolo diventato musical. Sarà un successone. Se ci sono ancora parti libere, anche controfigure maschere, sono a disposizione. Niente scene di nudo per piacere.

    Se sono ancora in tempo la poesia di Regina Monalda Leopardi la prefierisco. Anche per quei riferimento lirico-erotici che fanno stile.

  51. A dir la verità non lo so, se ci son scene di nudo. Ad Athos secondo me piacerebbe, ma poi c’è sempre il problema della nonna. Ad ogni modo lo faccio rpesente a Carnai Editori. Quanto al Gnasso, ho già ordinato il manichino, che è poi quello della fotografia.
    Regina Monalda Leopardi mi sa che è in corsa per vincere il viaggio con Ganassi. Però non è detto.

  52. Athos sarebbe proprio contento, anche perchè si potrebbe mettere meglio il contrasto e il realismo delle sue pagine.

    Faccio il tifo per Regina, il verso ventre di Bauxite apre scenari inimmaginabili

  53. siamo al 25 sera e se non arrivano testi nelle prossime ore giusto prima che arrivi il 26 che mi fanno cambiar idea io voto Pino Altolocati.
    Son molto curiosa di sapere come andrà a finire una volta sommati tutti i voti, comunque complimenti a tutti, per me è stata una scelta difficile. Non mi meraviglierei se ci fossero dei pari merito.

  54. Toc toc.

    Toc toc.

    Non c’è nessuno.
    Inizia a fare freddo e ci sono delle piante che soffrono a stare fuori. E bisognerebbe smontare le tende parasole. Non dovrò mica farlo io?

  55. Voci di corridoio in effetti dànno regina come vincitrice Regina Monalda Leopardi. Se così fosse sarebbe una vittoria annunciata.

  56. Adesso smontiamo tutto, hai ragione. E poi magari tra una quindicina di giorni accendiamo anche la caldaia. Che c’è umido. Più che il freddo è l’umidità. Le piante no, le teniam lì: non ci sono correnti, sono abbastanza riparate.
    Nuovo post

  57. E aspettiamo che arrivi un cammelliere a raccontarci qualche storia di rovina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...